Abbronzatura in montagna, utilizza i solari come al mare.Il sole in montagna con le basse temperature sembra in luogo ideale per avere la giusta abbronzatura anche nel periodo invernale, ma bisogna stare attenti alle scottature; uno sciatore su due si scotta ed in genere gli uomini sono più esposti alle scottature delle donne. Utilizzare quindi un solare ed affidarsi ad una linea solare completa è d’obbligo anche con gli sci ai piedi.

Per quanto riguarda l’abbronzatura in montagna, valgono più o meno le stesse precauzioni per l’abbronzatura al mare. Le basse temperature in montagna, spesso al di sotto di almeno dieci gradi rispetto ad ambiente marino associate alla voglia ed alla ricerca di una abbronzatura bella e veloce, portano ad un esposizione solare spesso per un tempo superiore a quello che quel dato tipo di pelle e fototipo richiede.

Un comportamento scorretto però non da l’abbronzatura invernale ricercata bensì provocano scottature vaste e fastidiose, che, guarendo in modo lento, cancellano tutti i benefici che si sarebbero potuti trovare comportandosi in modo più accorto, lasciando da parte la fretta, che è sempre cattiva consigliera.

Occorre tener presente che al di sopra dei 1500 metri raggi solari sono molto più potenti e pertanto non bisogna farsi ingannare da un cielo nuvoloso ma ricordarsi che il sola filtra anche attraverso le nubi.

Al fine di evitare eritemi e scottature, ma anche rughe precoci, occorre usare un filtro anti UVA, ovvero i raggi ultravioletti responsabili delle ustioni, ed un filtro solare anti UVB, ovvero i raggi ultravioletti che provocano le rughe. Questo deve essere una prassi obbligatoria in quanto salendo di quota questi raggi aumentano la loro intensità di ben il 4% ogni 300 metri.

Al fine di ottenere un abbronzatura in tutta sicurezza, la Giaden propone un latte solare per tutti i fototipi di pelle: Gel solare PROTEBAS caratterizzato da fattore di protezione basso, resistente all’acqua ed alla neve sul viso adatto per pelli scure che ben sopportano il sole; Latte solare PROTEMED con fattore di protezione medio specifico per fototipi normali che permette anche lunghe esposizioni al sole; Latte solare PROTALT che grazie al suo alto fattore di protezione solare è adatto per pelli chiari, pelli delicate, pelli sensibili.

Dopo una giornata passata a sciare occorre ricordare che il sole associato al vento ed al freddo seccano la pelle e quindi prima di andare a dormire occorrerà applicare un doposole per riparare e lenire la pelle. Giaden propone nella sua linea solari il gel doposole LENIDERM a base di camomilla ideale per donare sollievo alla pelle arrossata e irritata oppure il latte doposole LENIDERM a base di principio attivo passiflora ideale per lenire la pelle.

articoli correlati:
- Il sole: Un amico da cui bisogna difendersi


Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,