Abito da sposo: sicuramente non un dettaglioE’ risaputo che la sposa, con il suo abito, catalizzi l’attenzione di tutti su di sé. Ma l’abito dello sposo non ha e non deve avere una posizione di secondo piano. Anche per l’abito dello sposo, infatti, vi è una lunga tradizione.

Così come per l’abito da sposa, anche la scelta dell’abito da parte dello sposo deve essere ben ponderata. La mise del futuro marito , oltre a rispondere a suoi gusti ed esigenze personali ed essere adeguato all’occasione, dovrà essere in armonia con quello della sposa, al fine di creare un insieme il più omogeneo possibile.

Ma come fare ad avere indicazioni sull’abito della sposa se per tradizione lo sposo non può vederlo fino al giorno delle nozze??Semplice: basterà chiedere ad un parente, che ha avuto la fortuna di vedere l’abito della sposa in anticipo, di fare la spia.

Se il matrimonio è celebrato in Chiesa si opterà per uno stile più tradizionale, mente in Municipio si indosserà un abito da cerimonia o un abito classico.

Per la cerimonia in chiesa, il consiglio è di scegliere il tight o il frac. Se la sposa è in abito lungo, rigorosamente lo sposo dovrà prediligere il tight. Il tight è un abito costituito da una giacca grigio antracite o nera a code larghe, fasciante sui fianchi e da portare assolutamente allacciata. I pantaloni saranno a righe grigie e nere. Il gilet, grigio chiaro, è sempre in tinta unita. La camicia dai polsini doppi, chiusi da gemelli, dovrà avere un collo rigido. La cravatta da abbinarci sarà a plastron fermata da uno spillo con perla. Per una scelta meno impegnativa, si può optare per un mezzo tight con uguale taglio ma a mezza coda. In tal caso i guanti in camoscio grigio e il cappello a cilindro non sono previsti. La tradizione vuole che se lo sposo indossa il tight, lo dovranno indossare anche i padri, i testimoni e i fratelli degli sposi.

L’abito classico da indossare invece per il Municipio dovrà avere la giacca monopetto: gessato o tinta unita, dovrà essere di un colore scuro, specie se il matrimonio è celebrato in inverno.

Per nessun motivo lo sposo dovrà indossare lo smoking: adatto ad una serata di gala ma non ad una cerimonia.

Negli ultimi anni si è riscontrata tuttavia la tendenza ad indossare completi classici anche per le cerimonie in chiesa, con l’indubbio vantaggio di risparmiare e di poter indossare lo stesso abito in altre occasioni.

Se il matrimonio si celebra nel periodo estivo, il tessuto prescelto dovrà essere leggero, e si consiglia un fresco lana o lino. Per il periodo invernale, si raccomanda un abito di lana oppure misto lana.

E’ preferibile cominciare guardarsi intorno per la scelta dell’abito almeno sei mesi prima della data del matrimonio. La scelta di un abito realizzato da un atelier richiederà un budget consistente. Non va dimenticato che per essere finito l’abito necessiterà di svariate settimane di preparazione, che andranno effettuate numerose prove ed alla fine si renderanno quasi sempre necessarie delle rifiniture. Per abiti di confezione invece bisogna considerare l’intervento di un sarto per le rifiniture visto che in questo caso le taglie sono standardizzate e bisognerà adattare al meglio il capo al fisico dello sposo.

Gli accessori vanno scelti accuratamente, in particolare camicia, cravatta, cintura, calzini e scarpe. Il consiglio è quello di scegliere una camicia bianca di qualità e una cravatta tinta unita o con una fantasia classica e semplice. Le scarpe dovranno essere nere, stringate e i calzini lunghi e scuri.

La cura del corpo poi è di primaria importanza: lo sposo dovrà avere un aspetto curato, un taglio di capelli moderno ed una rasatura perfetta.

Un ultimo sguardo alla tradizione: il fiore all’occhiello. Se lo sposo vuol mettere il fiore, è tradizione che lo applichino sull’abito anche i padri della coppia e i testimoni. Per lo sposo è preferibile una camelia bianca, in tono con l’abito della sposa, a tutti gli altri, il galateo impone una doppia camelia rossa.

Articoli correlati:
- Abito da sposa : il più bello lo decidi tu
- Le fedi nuziali, simbolo di amore e di appartenenza
- Abito da sposa: come scegliere quello più adatto a noi


Tag:, , , , , , , , , , ,