Narcolessia: il sonno improvvisoLa narcolessia è un disturbo caratterizzato da eccessiva sonnolenza diurna che colpisce molte persone: poche però sanno di esserne affette. Ecco cosa bisogna sapere in merito.

La narcolessia è un disturbo caratterizzato da eccessiva sonnolenza diurna. Questa patologia non è rara, colpisce circa quattro persone su 10.000, prevalentemente i maschi, a qualsiasi età.

Per questa malattia non vi sono cure o trattamenti risolutivi, ma è possibile utilizzare terapie farmacologiche che riducano o evitino l’invalidità causata dall’eccessiva sonnolenza e dagli altri sintomi e adottare abitudini di vita congrue a questa particolare condizione di malattia. Le persone che soffrono di narcolessia, infatti, si addormentano spesso per dei brevi sonnellini ovunque si trovino, con la conseguenza di mettere in serio pericolo il proprio corpo, la loro incolumità e quella degli altri, nonché la loro vita sociale e lavorativa. Molto spesso si scopre di averla solo dopo quando si è stati vittima ad esempio di un incidente d’auto, causato da uno dei tanti colpi di sonno a cui si è soggetti.

La causa della narcolessia sembra essere un difetto biochimico del sistema nervoso centrale.

Si sospetta che la malattia o la predisposizione a svilupparla possano essere una caratteristica ereditaria trasmessa dai genitori ai figli. E’ anche possibile che la narcolessia compaia dopo una lesione cerebrale e nel corso di altre patologie del sistema nervoso centrale.

Un valido aiuto per scoprire se si è affetti da questa malattia viene dal sito dell’Associazione Italiana Narcolettici (www.narcolessia.org) che propone e gli indirizzi dei centri neurologici specializzati.


Tag:, , , , , , , , ,