Primavera e allergia da pollineCon la primavera cominciano i fastidiosi disturbi delle allergie da polline. Consigli per chi soffre di allergie per godere pienamente della bellezza della nuova stagione.

Con l’arrivo della primavera non si risveglia solo la natura ma anche l’allergia di molte persone ad alcuni pollini.

Ma cos’è l’allergia?

L’allergia non è altro che una risposta sbagliata del sistema immunitario che attribuisce pericolosità a delle sostanze innocue.

L’organismo delle persone allergiche riconosce, infatti, come nocive delle sostanze introdotte attraverso la respirazione, l’alimentazione o il contatto cutaneo e produce anticorpi contro di esse. Quando si viene di nuovo a contatto con l’allergene, gli anticorpi lo riconoscono e la loro reazione innesca la produzione di istamina con i conseguenti sintomi dell’allergia. L’istamina dilata i piccoli vasi sanguigni provocando arrossamento della congiuntiva degli occhi e gonfiore delle mucose, stimola le terminazioni nervose della mucosa nasale, provocando prurito e starnuti, sollecita la produzione di muco, determina broncocostrizione con conseguente difficoltà respiratoria.

La predisposizione alle allergie è ereditaria, nel senso che è possibile trasmettere la predisposizione a diventare allergici e questa predisposizione, accompagnata da infiammazioni dovute ad infezioni, inquinamento, fumo, favorisce l’insorgere di reazioni allergiche.

Per quanto riguarda esclusivamente l’allergia da polline, ecco le cause e i sintomi:
Cause:
- Pollini anemofili (cioè trasportati dal vento)
- Pollini entomofili (cioè trasportati dagli insetti ): ne sono allergiche solo le persone che lavorano con i fiori.

Generalmente responsabili della comparsa di disturbi allergici sono le Graminacee (frumento, segale, orzo, gramigna), le Oleacee (olivo, frassino), le Betulacee (betulla, ontano), le Salicacee (salice, pioppo), le Plantacee (platano), le Fagacee (faggio, castagno, rovere, leccio, quercia), le piante erbacee come la parietaria e le composite (girasole, ambrosia, etc.).

Sintomi:
- Crisi di congiuntivite
- Rinite
- Talvolta asma
- Talvolta eczema palpebrale associato a rinocongiuntivite

Consigli per chi soffre di allergia:
- Evitare i luoghi con disseminazione dei pollini a cui si è allergici
- Evitare di trascorrere il tempo libero nei luoghi ventosi
- Arieggiare i locali al mattino presto, quando di solito non c’è vento
- Evitare di azionare la ventilazione dell’aria in automobile se non dotata di filtro antipollinico
- Non tenere i finestrini aperti
- Usare deumidificatori e condizionatori d’aria con filtri antipolline sia a casa che in auto
- Evitare la campagna ed i luoghi in cui l’erba è stata tagliata di recente.

E’ possibile trattare i sintomi da allergia usando farmaci antistaminici per bloccare l’azione dell’istamina e decongestionanti per limitare la congestione nasale. Nei casi più acuti si ricorre ai corticostereodi che bloccano l’attività del sistema immunitario e attenuano i sintomi della rinite allergica o dell’asma allergico.


Tag:, , , , , , ,