Emorroidi, cause e sintomiLe emorroidi sono un fastidioso e doloroso disturbo che per la sua incidenza ed evoluzione ha significativi riflessi negativi sulla vita sociale e lavorativa delle persone che ne soffrono.

Le vere cause sono ancora ignote e molti dei fattori ritenuti responsabili hanno probabilmente solo un ruolo favorente.

Le emorroidi colpiscono indifferentemente sia uomini che donne.

Le donne però sono particolarmente esposte a questa malattia in alcuni periodi della loro vita come il ciclo mestruale, la gravidanza e il post parto.

Ma quali sono i sintomi?
- Emorragia: è il sintomo più frequente
- Dolore: è una delle complicanze della malattia anale
- Prurito: dovuto alle secrezioni che, in presenza di emorroidi, irritano la cute anale.

E’ fondamentale effettuare una diagnosi accurata, sia per iniziare un’adeguata terapia sia per eliminare fastidio e dolore.

La diagnosi viene effettuata sulla base di una visita medica: il medico provvede all’esplorazione rettale e all’anoscopia, che consiste in un esame strumentale che si esegue con un tubo monouso a luce fredda, completamente indolore per il paziente. Dovrà essere effettuata infatti una corretta stadiazione (vi sono 4 diversi gradi) della malattia per individuare i comuni rimedi (terapia medica o ambulatoriale parachirurgica).

Un valido metodo di prevenzione è rappresentato dal seguire un’alimentazione ricca di fibre, a base di frutta e verdura ed evitando cibi piccanti.
E’ fondamentale combattere la stitichezza perché una stipsi ostinata può determinare l’aggravarsi di questa malattia.

Contro il prurito e il bruciore, il paziente dovrà ricorrere all’autopalpazione per individuare la presenza di noduli che possono essere la causa di tali sintomi. In presenza dei suddetti sintomi si potranno applicare creme e detergenti contenenti sostanze naturali che aiuteranno a ripristinare la normale fisiologia della cute, eliminando tali fastidi.


Tag:, , , , , , ,