Fumo attivo, fumo passivo e ora il fumo di terza manoChe il fumo fa male è risaputo cosi come è noto che sono a rischio di malattie anche le persone soggette al fumo passivo, ma sentire parlare del fumo di terzo mano è davvero una novità.

L’ultima scoperta sul fumo e sulle sue conseguenze arriva dai ricercatori del “Mass General Hospital for Children “ di Boston che hanno evidenziato l’accumularsi di una miscela invisibile e fortemente tossica su tutti gli oggetti che vengono a contatto con il fumo di sigaretta.

Questo mix tossico di sostanze invisibili ad occhio nudo si deposito su capelli, vestiti ed oggetti personali di chi fuma e vi rimane per lungo tempo, cosi come vengono “infettati” tappeti, pareti, tende delle abitazioni dei fumatori. Aprire le finestre e semplicemente aerare le stanze purtroppo non serve a niente, la risoluzione sarebbe invece in lavaggi approfonditi e particolari sistemi di aereazione.

Del fumo di terzo mano purtroppo i più a rischio sono i bambini che gattonano, giocano sul pavimento e toccano un pò tutto e quindi più facilmente vengono a contatto con tutte queste particelle nocive compromettendo la loro salute.
Oltre a far male a se stessi con il fumo attivo, chi ci sta intorno con il fumo passivo ora si rischia di far male anche chi si tenta di proteggere cercando di fumargli lontano, basterebbe quindi pensare seriamente a tutte le malattie, spesso incurabili, che il fumo provoca per trovare le giuste motivazioni per smettere.

Articoli correlati:
- Smettere di fumare, ad ognuno il suo metodo


Tag:, , , , , , , , , , , , ,