Liposuzione delle caviglie, la parola all’espertoIn queste zone, gli accumuli di adipe sono di solito associati ad altri accumuli degli arti inferiori.
Il trattamento delle gambe e dei malleoli deve essere valutato con molta accuratezza, per i problemi che si possono creare a livello del circolo periferico.

Il normale tracciato cutaneo preoperatorio avviene posizionando la paziente in piedi, senza scarpe, ed ispezionando la zona da trattare, si avanti che dietro. Viene tracciata sulla cute la zona da sottoporre a trattamento, zona che non deve essere mai circolare.

In linea di massima, il terzo inferiore esterno della gamba è la sede più frequente del trattamento.

L’incisione di 4-5 mm nella zona esterna della gamba (il terzo medio esterno) permette l’introduzione della cannula da 4 mm per praticare 3-4 tunnels ed estrarre piccole quantità di grasso in genere 30-60 ml.

Le incisioni si suturano con punti 6/0 in nylon monofilamento e si colloca una compressione locale e/o una calza elastica se si sono trattate altre aree, come le ginocchia o le cosce, infine è necessario un drenaggio tipo Penrose.

Per il postoperatorio è previsto un riposo per 7 giorni, dopo i quali si tolgono i punti e la medicazione. Si prescrivono calze elastiche, che comprendano anche i piedi, per 2-3 mesi. I massaggi aiutano la risoluzione dell’edema.

A cura del Dott. Masino Scutari chirurgia plastica ricostruttiva PADOVA www.chirurgoesteticoonline.com


Tag:, , , , , ,