Virus H1N1, vaccino a novembre, si decide per bimbi sotto i tre anniContinuano i test sull’efficacia del vaccino contro il virus H1N1, e fino ad oggi non si sono riscontrati effetti collaterali su nessuno dei volontari, fatta eccezione per un pò di arrossamento nella zona dell’iniezione.

Dopo i volontari adulti la sperimentazione proseguirà su bambini e donne in gravidenza in modo da permettere la definzione completa del vaccino entro novembre 2009, data in cui saranno avviate le fasi per la prima vaccinazione, che ricordiamo sarà costituita con ogni probabilità da due dosi da fare a distanza di circa 15-20 giorni.

Il vaccino contro l‘H1N1, non sarà distribuito in farmacia ma verrà somministrato dai medici di famiglia con priorità per i soggetti a rischi nonchè pe rle donne in gravidanza, e gli operatori del servizio pubblico e del servizio sanitario.

Persone sopra i 65 anni, forza dell’ordine, infermieri, medici per un totale di circa 8 milioni di persone rappresenteranno la prima trance di vaccinata a cui seguiranno tutti gli altri appena saranno pronti gli altri 16 milioni di dosi di vaccino ad inizio 2010.

I bambini saranno vaccinati dai 3 anni in su, ed è proprio sui bimbi che il mondo scientifico si divide in quanto la metà dei medici considerà l’età più a rischi quella fra i 6 mesi ed i tre anni mentre l’altra metà, visti gli effetti blandi del virus, non ritiene necessario sottoporre bimbi al di sotto dei tre anni a un vaccino ancora cosi nuovo e poco sperimentato.

Agli inzi di settembre previsto l’incontro fra il ministero e le regioni per la definzione totale dell’utilizzo del vaccino.


Tag:, , , , , , , ,