aidsUna ricerca scientifica, di iniziativa americana, compiuta a Bangkok, in Thailandia, sostiene che è possibile sviluppare un vaccino che sia efficace contro l’Aids.

Lo studio condotto è la più importante sperimentazione clinica intrapresa finora per lo sviluppo di un vaccino contro l’Aids. E’ stato finanziato dall’Esercito americano e dall’Istituto statunitense di Allergologia e Malattie infettive, ed ha dimostrato come la combinazione di due vaccini già esistenti è in grado di ridurre notevolmente il rischio di infezione da Hiv, fino al 31,2%.

I due vaccini utilizzati per la ricerca sono l’Alvac, prodotto dalla Sanofi Pasteur e l’Aidsvax, sviluppato dalla società americana Vaxgen e ora di proprietà dell’associazione no-profit Global Solutions for Infectious Diseases.

Somministrati insieme l’ Alvac e l’Aidsvax hanno dato risultati importanti, una speranza nella lotta al virus dell’Hiv.

La studio, dalla durata quinquennale, è stato condotto su circa 1600 volontari thailandesi.

All’Istituto statunitense di Allergologia e Malattie infettive sono cautamente ottimisti sulla possibilità di migliorare i risultati ottenuti.

Va comunque specificato che la sperimentazione dei vaccini è avvenuta esclusivamente in Thailandia ed è specifica per i ceppi di virus da hiv in circolazione in quel paese.

Rimane ancora da verificare l’efficacia del mix di Alvac e Aidsvax sui soggetti più a rischio come maschi omosessuali e persone che assumono droghe per via endovenosa.

Alla conferenza sui vaccini per l’Aids che si terrà a Parigi dal 19 al 22 di ottobre saranno dati maggiori particolari di questo studio.


Tag:, , , , , , , , , , , , ,