alimentazioneUn buon programma per dimagrire o per il controllo del peso corporeo dovrebbe prevedere una dieta equilibrata, personalizzata in base al fabbisogno calorico dell’individuo, tale da produrre un calo di peso corporeo non superiore a 2-4 kg al mese.

Questo risultato si ottiene seguendo una dieta ipocalorica, ossia con un quantitativo di energia inferiore alle necessità dell’individuo. La dieta ipocalorica deve comunque essere equilibrata e bilanciata e deve fornire all’organismo tutti i principi nutritivi di cui ha bisogno, per evitare pericolose carenze. Studi scientifici indicano che una dieta equilibrata deve contenere il 55-60% di carboidrati, il 30% di grassi ed il 12-15% di proteine.

E’ evidente, quindi, come regimi alimentari che eliminano completamente uno di questi nutrienti siano sbagliati e, addirittura pericolosi. Vediamo qualche esempio:

-    Dieta Atkins: è una dieta da cui vengono eliminati quasi del tutto i carboidrati, lasciando i pasti ricchi in grassi e proteine. NO!
-    Dieta crudista: consiste nel mangiare solo cibi crudi e non manipolati, anche carne e pesce crudi. NO!
-    Dieta Hollywood: è la dieta resa famosa per essere stata adottata da alcune star di Hollywood per mantenersi in forma. Nelle prime 48 ore si assume solo pompelmo e succo di pompelmo, poi si segue una dieta a base di sola frutta. Nelle varianti più permissive si associano anche alimenti proteici. NO!
-    Dieta a Zona: proposta da B. Sears negli anni ’90, è una dieta che segue un complicato schema numerico per le calorie e i nutrienti introdotti ad ogni pasto. Recentemente ne è stata elaborata una versione più vicina ai gusti europei e italiani in particolare (zona italiana). NO!
-    Dieta del minestrone: è una dieta fondata su basi mediche in quanto è stata ideata come dieta per far perdere rapidamente peso ai malati che devono sottoporsi ad un intervento chirurgico, consiste nel mangiare per alcuni giorni solo pasti di un minestrone molto brodoso composto di cavoli e verdure varie. Non è assolutamente adatta a perdere peso in altre condizioni che non siano quelle strettamente preoperatorie e sotto stretta sorveglianza medica. NO!

Queste diete, oltre ad essere prive di ogni fondamento scientifico (non sono accettate dalla comunità scientifica internazionale) sono anche carenti o prive di nutrienti fondamentali, non presentano varietà nella scelta dei cibi, risultando anche monotone e ripetitive. Infatti, una dieta equilibrata, SI!, deve essere costituita da tutti i cibi che abbiamo a disposizione nei vari gruppi alimentari, argomento che approfondiremo nei prossimi articoli.

a cura del Dott. Pierluigi Pecoraro
Nutrizionista


Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,