mangiare sanoUn’ alimentazione corretta è fondamentale per una buona qualità di vita e per invecchiare bene.

La salute, infatti, si conquista e si conserva soprattutto a tavola, imparando sin da bambini le regole del mangiare sano.

Il tradizionale modello alimentare mediterraneo è ritenuto oggi in tutto il mondo uno dei più efficaci per la protezione della salute ed è anche uno dei più vari e bilanciati che si conoscano.

Ricordiamo che non esistono alimenti completamente buoni o cattivi, ma ogni singolo alimento ed ogni piatto contengono elementi nutritivi diversi e necessari in proporzioni variabili.

Ciò che conta, inoltre, è come gli alimenti vengono combinati all’interno della dieta in quanto è vero che bisogna mangiare con moderazione, ma è altrettanto importante diversificare l’alimentazione poiché la qualità nutrizionale della dieta si valuta nell’arco di alcuni giorni, non in un singolo pasto.

Quel che conta è introdurre varietà, equilibrio e moderazione sulla nostra tavola, preferendo il consumo di carboidrati, frutta e verdura rispetto ai grassi. Mangiare in maniera salutare e varia, combinando gli alimenti in maniera idonea per la nostra salute, significa consumare alimenti a ridotto contenuto di grassi animali e sale, ma ricchi di fibra e di nutrienti essenziali come carboidrati, proteine, vitamine e minerali.

Considerato l’evoluzione tecnologica, sociale e culturale ed il conseguente cambiamento degli stili di vita degli ultimi anni, ATTENZIONE ALLE CALORIE, cioè alla quantità di energia contenuta in ciascun alimento o pietanza. E’ importante sapere che, in assoluto, non esistono alimenti che fanno ingrassare e non esistono alimenti che fanno dimagrire, ogni alimento ha il suo valore energetico (kcal). Le giuste quantità e proporzioni sono indispensabili per raggiungere l’equilibrio tra l’energia spesa durante una giornata e quella introdotta con l’alimentazione.

E’ proprio questo delicato equilibrio che ci permette di accumulare o perdere peso sotto forma di grassi. Ogni soggetto ha un metabolismo di base che è l’energia necessaria per mantenersi in vita (far funzionare tutti gli organi e sistemi) a cui va aggiunto il dispendio energetico ossia l’energia necessaria per svolgere le attività quotidiane come dormire, lavarsi, vestirsi, camminare, studiare, lavorare, ecc.

In pratica se un soggetto, in una giornata, spende 2200 kcal e ne introduce 2200 con l’alimentazione raggiunge quell’equilibrio che permette la stabilità del proprio peso corporeo.

a cura del Dott. Pierluigi Pecoraro
Nutrizionista


Tag:, , , , , , , , , , , ,