digestioneDigestione lenta, acidità, frequenti rigurgiti, sonnolenza dopo i pasti. Sono i sintomi più comuni della dispepsia, ossi la cattiva digestione.

Si tratta di un disturbo di cui soffre il 30 – 40% degli italiani, legato spesso ad abitudini alimentari e stile di vita errati.

Il consiglio è di sottoporsi a visita specialistica, ridurre sedentarietà, sovrappeso, fumo e alcol.

Se però le difficoltà digestive rimangono e la dispepsia è funzionale, ossia non legata a cause organiche, può essere curate con l’ausilio di erbe mediche.

Contro la sensazione di pesantezza allo stomaco e acidità si può ricorrere alla Genziana, sottoforma di decotto, tintura madre o amaro alcolico, o anche come tisana accompagnandola con Centaurea, Assenzio e Arancio Amaro.

Per facilitare la digestione, si può bere, dopo i pasti, anche un infuso di Menta e Zenzero.

Contro il gonfiore e la formazione del gas a livello intestinale è consigliata l’assunzione di una tisana a base di Finocchio, Cumino e Anice. La tisana va bevuta 3 volte al giorno lontano dai pasti.

Per i casi di cattiva digestione di origine nervosa è consigliata la Melissa, da assumere sotto forma di tisana.

a cura di Imma Manna
articoli correlati:
- Digestione, problemi di digestione: le regole per digerire meglio


Tag:, , , , , , , , , , , , , ,