famenervosaFame nervosa, attacchi di fame, è quella sensazione di fame incontrollata che arriva all’ improvviso e che fa mangiare anche quando non se ne ha necessariamente l’esigenza.

Molte persone, quando sono tristi, stressate o particolarmente ansiose, reagiscono alla situazione che vivono, andando a caccia di qualcosa da mettere sotto i denti, sia esso un cioccolatino, una caramella o altro.

Le loro attività giornaliere sono scandite quindi da frequenti spuntini, ovviamente dannosi sia per la salute che per la linea.

E’ chiaro che non si tratta di vera fame ma di una fame psicologica, caratterizzata dalla necessità si sopperire, gratificando il palato, ad altre mancanze, tra cui quelle affettive assumono un ruolo di prim’ordine.

Il cibo non viene più gustato e si finisce per ingurgitare di tutto, quantità e non qualità.

Le situazioni emotive che possono scatenare attacchi di fame sono diverse:
- c’è chi sgranocchia continuamente per noia, si pensi alla casalinga,
- chi lo fa per rabbia,
- altri per la mancanza di qualcosa, mancanza che il cibo riesce a sopperire,
- e poi ancora per ansia, il cibo viene usato come un tranquillante,
- e per tristezza, dove i dolci sono l’alimento prescelto.

Ma come si può contrastare la fame nervosa? Come rimediare agli attacchi di fame?

Per evitare che la voglia di mettere sotto i denti qualcosa ci assalga all’improvviso, ecco cosa si può fare.
- Mangiare con calma. Gustare lentamente una pietanza significa attivare tutti i recettori gustativi della lingua che inviano il messaggio di sazietà al cervello.
- Mangiare come antipasto frutta o verdura, in grado di calmare la fame.
- Consumare pane e pasta, in quanto contengono fibre che aumentano la sensazione di sazietà.
- Aggiungere le verdure anche al primo piatto: forniscono l’impressione di aver mangiato molto.
- Niente distrazioni quando si è a tavola.
- Mangiare spesso. Durante la giornata è consigliabile effettuare due spuntini (metà mattina e metà pomeriggio) con frutta o yogurt magro, per non arrivare affamati a pranzo o a cena.
- Sì al consumo di caffè e tè che ritardano lo stimolo della fame.
- Praticare attività fisica, in quanto si scarica tensione.
- Masticare chewing-gum (senza zucchero), consente di allentare la tensione e di sopire la fame.
- Concedersi un po’ di cioccolato.
- Bere spesso.
- Evitare i dolci, perché gli zuccheri, dopo 20 minuti in cui sono entrati in circolo, fanno impennare l’ insulina che ci lascia stanchi, affaticati e con un lieve senso di depressione. Senza contare un buco allo stomaco maggiore.
- Se la fame improvvisa fa capolino durante la notte, è consigliabile consumare una cena più sostanziosa e bere un bicchiere di latte prima di andare a letto.

a cura di Imma Manna


Tag:, , , , , , , , ,