impotenzaChi per ragioni di salute non ha mai potuto assumere il viagra, parliamo dei cardiopatici, ipertesi, intolleranti al glucosio e così via, può finalmente gioire.

L’erezione tanto agognata è oggi possibile con le onde d’urto.
La scoperta è di un andrologo italo-israeliano del Rambam Medical Center di Haifa, il dottor Yoram Vardi.

Secondo il suo studio uno choc a bassissima energia, quanto basta per ridare al pene la posizione eretta ed eliminare il problema per un tempo relativamente lungo, perché anche dopo tre mesi, l’effetto permane.

Ma come funziona?

Il sistema adoperato è quello degli ultrasuoni che bombardano i calcoli renali. Le onde stimolano l’afflusso di sangue all’organo genitale, in modo innocuo, attivando il fattore di crescita endoteliale. Vengono bersagliate in questo modo cinque aree specifiche dei genitali e con risultati davvero buoni.

I ricercatori fissano però dei paletti:
- la terapia si applica solo a chi ha scarso flusso di sangue al pene,
- non a chi ha problemi muscolari o nervosi,
- bisogna attendere altri test per evitare che qualcuno ne resti solo suggestionato.

Nonostante queste puntualizzazioni, si spera vivamente di riuscire a ridurre il ricorso a farmaci come il Cialis o il Viagra, che risolvono il problema solo per qualche ora, lasciando inalterato lo stato patologico.

a cura di Imma Manna


Tag:, , , , , , , , , , ,