vaccinohpvSolo una bambina su tre si vaccina contro il papilloma virus umano, causa primaria del tumore al collo dell’utero.

La campagna di vaccinazione per la prevenzione dei tumori all’utero iniziata nel 2008, con l’offerta gratuita rivolta alle dodicenni, prosegue, anche si è ancora lontani dalla quota del 95% prevista dall’Istituto Superiore di Sanità in 5 anni.

Stando ai dati forniti riferiti al 30 Giugno 2009, il 34% delle dodicenni e il 26,7% delle tredicenni ha completato il ciclo di vaccinazioni, composto di tre dosi, necessarie a renderlo efficace.

Le percentuali variano da regione a regione soprattutto perché diversa è la politica attuata dalle stesse in merito alla vaccinazione: si passa da un’offerta di vaccinazione gratuita, a prezzi agevolati.

Forse è proprio il costo elevato dell’intero ciclo, più di 400,00 Euro, che una scarsa informazione a non far lievitare il numero delle donne che ricorrono al vaccino.

La proposta del vaccino, consigliato fino ai 27 anni ed efficace fino ai 45 anni, a costi più contenuti, spingerebbe le donne a vaccinarsi contro il papilloma virus.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Tumore del collo uterino, l’importanza del vaccino


Tag:, , , , , , , , , ,