afteDiverse cause possono provocare l’insorgenza delle afte e spesso agiscono in maniera sinergica: lo stress psico – fisico, la gravidanza, la scarsa igiene, l’alimentazione carente di ferro e Vit. B 12, ecc.

Si tratta di piccole vescicole che possono localizzarsi sulla mucosa della bocca, della lingua e delle labbra.
Questi piccoli rigonfiamenti presto si romperanno lasciando delle fastidiosissime e dolorosissime ulcerazioni.

Un aspetto affatto trascurabile è che quelle più piccole guariscono spontaneamente in circa dieci giorni, ma le più grandi a guarire ci possono impiegare anche un mese.

Il dolore ed il bruciore, a volte, sono talmente forti da impedire di alimentarsi correttamente.

Quando compare la febbre e aumentano di volume i linfonodi della mandibola e del collo, probabilmente si è sovrapposta un’infezione batterica.

Le terapie omeopatiche:

SULFURICUM ACIDUM : è quando il paziente è debilitato, l’alito è cattivo, le gengive possono sanguinare e le afte sono dolorosissime e biancastre.

BORAX: il sintomo che più ci colpisce è il bruciore “ esagerato “ delle afte. Spesso si trovano sulla parte interna delle guance.

MERCURIUS SULFURICUS: quando le afte tendono a suppurare .

Tutti questi rimedi vanno somministrati alla 7 – 9 ch, cinque granuli due volte al giorno

a cura del Prof. Giuseppe Scaglione
Ginecologo-Oncologo-Omeopata


Tag:, , , , , , , , ,