epilessiaLa IX edizione della “Giornata Nazionale per l’Epilessia” organizzata dalla Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE), si terrà domenica 2 maggio 2010.

L’obiettivo sarà quello di contribuire alla cura e all’assistenza dei pazienti con epilessia e di informare la gente circa questo disturbo.
In Italia, ne è colpita quasi una persona su 100.

L’epilessia, si legge sul sito della LICE (Lega Italiana contro l’Epilessia) è una malattia neurologica che si manifesta sotto forma di disturbi improvvisi e transitori, le cosiddette crisi epilettiche, fenomeni che dipendono da un’alterazione della funzione dei neuroni.
Esistono crisi di entità e gravità differenti e la forma più conosciuta di crisi è quella convulsiva, comunemente definita come Grande Male.
Le cause dell’epilessia sono molteplici, e comprendono ad un estremo disturbi genetici e all’altro lesioni cerebrali di varia natura.

Durante la Giornata Nazionale per l’epilessia, si affronterà inoltre il tema delle difficoltà che i bambini epilettici incontrano a scuola.

La LICE ha condotto un’indagine , su 600 insegnanti di scuole primarie e secondarie inferiori: nonostante la conoscenza dell’epilessia sia diffusa presso questa categoria professionale (99,7 % la conosce), non sono molti quelli in grado di affrontare le varie problematiche che questa malattia pone in ambito scolastico.

Dato che nei tre quarti dei casi l’esordio dell’epilessia avviene prima dei 20 anni, in particolare nei bambini e negli adolescenti è necessario un intervento formativo urgente nei confronti degli insegnanti, che permetta una maggiore conoscenza delle caratteristiche della patologia e di cosa fare in caso di emergenze in classe, perché un bambino colpito da crisi epilettica non è assolutamente un diverso.

a cura di Imma Manna


Tag:, , , , , ,