cordone_ombelicaleIl prelievo del sangue del cordone ombelicale è un procedimento molto semplice ed innocuo sia per la mamma che per il bambino.

Avviene al momento del parto, dopo che il bambino è nato, poco prima dell’espulsione della placenta, quando il cordone è già stato reciso. Può essere conservato anche per molti anni.

Oltre che sostituire il trapianto di midollo osseo per le leucemie acute e le immunodeficienze congenite, il sangue placentare è indicato anche per altre malattie come il mieloma multiplo, i linfomi o l’anemia mediterranea.

Il dato positivo è che sono in aumentano le esportazioni di sangue cordonale verso l’estero: dal 2008 le unità affidate alle banche oltre confine sono aumentate da 10.458 a 14.000, sulle oltre 16.000 raccolte.

I trapianti di staminali di sangue cordonale e anche il patrimonio di cellule staminali emopoietiche nel nostro Paese sono in continua crescita, e ciò si deve alle sempre più numerose mamme che donano il cordone ombelicale al momento del parto.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Cellule staminali , cordone ombelicale , conservazione e fonti disponibili


Tag:, , , , , , , , , , , , , ,