colesteroloI cereali integrali non devono mai mancare nella dieta di ciascuno di noi: aiutano infatti a ridurre il colesterolo LDL (cattivo).

Questa loro capacità deriva dal fatto che il chicco è rivestito da l’aleurone, ricco di proteine e vitamine.

Lo sostiene una ricerca dell’Università dell’Ulster (Irlanda del Nord), diretta dal professor Keaveney e pubblicata su “Proceedings of the Nutrition Society”.

La ricerca si basa sui risultati ottenuti facendo mangiare ai volontari, oltre che alimenti standard, due porzioni di pane e una porzione di cereali pronti contenenti aleuronico (per 27 g al giorno), tutti i giorni e per quattro settimane.

Le successive analisi mediche hanno mostrato come nel sangue dei soggetti fossero aumenti i livelli di sostanze benefiche come la betaina, mentre erano calati quelli di colesterolo LDL ed omocisteina (portatori di malattie cardiache). In più, l’assunzione di aleuronico aveva provocato una riduzione della proteina C-reattiva (CRP), un noto marcatore (marker) dell’infiammazione.

Dunque il consiglio è di arricchire la propria alimentazione con tanti cereali integrali che come abbiamo visto, oltre a regolare l’intestino, aiutano anche a far diminuire il colesterolo cattivo.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
-


Tag:
, , , , , , , , , , , , , , , ,