aismDa Roma, durante la Giornata mondiale sulla sclerosi multipla, arriva la notizia che entro la fine del 2010 partirà in Italia, grazie anche al contributo fondamentale dell’Aism, una sperimentazione sull’uomo con una terapia a base di cellule staminali.

Questo studio coinvolgerà circa 20 Paesi e utilizzerà le staminali del midollo (mesenchimali).

Verranno coinvolte 150 persone al mondo malate di sclerosi multipla, in fase avanzata.

I ricercatori auspicano che le cellule mesenchimali riescano a svolgere una doppia funzione:

- agiscano modulando la reazione autoimmune con cui il sistema immunitario attacca se stesso

- rilascino fattori che proteggono le cellule nervose e ne facilitino la sopravvivenza.

Se ciò accadrà, con l’autorizzazione del Ministero della salute, Si potrà così garantire in tutte le ragioni italiane e non solo la possibilità di far fronte a questa malattia che colpisce in tutto il mondo oltre 2,5 milioni di persone e 57mila in Italia.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Gravidanza, l’esposizione al sole fa bene al bambino e previene la sclerosi multipla


Tag:, , , , , , ,