celiachiaBuone notizie per i celiaci.
Una ricerca del Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research (di Parkville, Australia), diretta dai dottori Bob Anderson e di Jason Tye-Din e pubblicata su “Science Translational Medicine“, ha individuato le tre molecole tossiche, peptidi (frammenti) del glutine, che danno il via alla reazione del sistema immunitario.

Già nota allo stesso gruppo di ricerca era la sequenza di amminoacidi del glutine, colpevole del malessere del celiaco in seguito all’assunzione di glutine.

Lo studio si è basato su uno studio di 200 malati di celichia, a cui sono stati fatti assumere cereali.
Dopo 3 giorni, i volontari sono stati sottoposti a prelievo di sangue, che ha permesso di isolare le cellule immunitarie, causa della reazione al glutine ingerito. Queste cellule (linfociti T) sono state poi accoppiate con 2700 peptidi sospetti: in base alla reazione, gli studiosi hanno identificato i 3 che più si legavano alle cellule, i responsabili in primis della celiachia.

Adesso è in fase di sperimentazione la cura: al momento i ricercatori stanno somministrando in piccolissime quantità i tre peptidi ai malati sotto esame, per desensibilizzarli al glutine.

Quello ottenuto è un risultato davvero importante nella lotta contro la celiachia, un risultato che permette di stimare in 5/10 anni la sperimentazione di un vaccino oltre che fornire una cura per il 90-95% dei celiaci e quindi assicurare un controllo precoce di questa malattia prima ancora che provochi seri danni all’organismo e allo stesso tempo senza dover rinunciare ai cereali nella dieta.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Celiachia , intolleranza al glutine, consigli e trucchi per una vita serena


Tag:, , , , , , , , , ,