intolleranze_alimentariL’intolleranza alimentare, pur non manifestandosi, come l’allergia, in modo aggressivo, provoca ugualmente una lenta intossicazione dell’organismo ed uno stato di infiammazione che, con il tempo, rischia di diventare cronico.

Il primo passo da compiere è individuare gli alimenti che ci creano problemi.

E’ utile a questo scopo annotare i cibi si mangiano e i sintomi di malessere percepiti.
Di solito i cibi che possono dare problemi sono pomodori, crostacei e fragole.

Comunque sia è indispensabile effettuare un test per le intolleranze.

Un nutrizionista potrà prescrivere una dieta che esclude gli alimenti a cui si è intolleranti sostituendoli con altri, senza rinunciare a determinati principi nutritivi.

I cibi a cui si è intolleranti verranno poi reintegrati gradatamente nel tempo se l’intolleranza sarà superata.

Veniamo ai rimedi naturali ai malesseri causati dall’intolleranza:
- In caso di diarrea, il rimedio è l’alchemilla e la bistorta, due piante con proprietà astringenti e antidiarroiche.
- In caso di infiammazioni, è efficace il ribes nero (da assumere sotto forma di gocce, 30 al mattino e sera sciolte in poca acqua). Anche
- l’albero del tè è utile le afte (che compaiono spesso come conseguenza di intolleranza ad alcuni cibi).
- Se invece si soffre di cattiva digestione o bruciori di stomaco, è buonissima la radice di liquirizia. Questo rimedio non va assunto da chi soffre di ipertensione.
- il basilico ha ottime proprietà digestive.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Allergia al latte bambini, un test può distinguere le varie intolleranze


Tag:, , , , ,