facebookUn’equipe di 5 medici, tra cui un italiano, sostiene, attraverso la rivista The Lancet, che Facebook può scatenare attacchi di asma per il troppo stress.

E’ stato infatti documentato il caso di un ragazzo asmatico di 18 anni, la cui condizione e’ rimasta stabile fino a quando la sua ragazza lo ha lasciato e cancellato dalla sua pagina di Facebook.

Accedervi periodicamente, camuffandosi con un’altra identità a guardare la foto della ex, ha determinato un repentino peggioramento della sua asma.

Secondo i medici, gli attacchi di asma vanno associati anche alle sollecitazioni indotte dai siti di social networking, soprattutto nei più giovani che trascorrono molto tempo online.

Spiega il dott. Gennaro D’Amato, direttore della Divisione di Malattie Respiratorie e Allergiche dell’Azienda Ospedaliera ad Alta Specialita’ A. Cardarelli’ di Napoli, che nel ragazzo erano assenti fattori ambientali e infettivi che potessero stimolare le esacerbazioni asmatiche: l’unica spiegazione possibile è stata che che Facebook, e i social network in generale, potrebbero essere una nuova fonte di stress psicologico, rappresentando un fattore scatenante per le esacerbazioni negli asmatici depressi.

Va detto che lo stress e’ un fattore ben noto negli attacchi di asma.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Asma, le cellule staminali sono il rimedio


Tag:, , , , , , ,