film-il-padre-della-sposaGeorge è un tranquillo uomo della medio-alta borghesia californiana, la cui figlia, appena ventiduenne, ha deciso di sposarsi con un uomo che conosce da appena tre mesi.
George è molto protettivo nei confronti della sua amata figlia, e, venendo a conoscenza della notizia, si rende conto di non riuscire ad immaginare la sua vita senza Anne, la sua “bambina”; piano piano andrà completamente in tilt, tanto da sentirsi vittima di un complotto nei suoi confronti da parte di tutta la famiglia!
Affrontando varie peripezie arriverà a capire che sua figlia è ormai una donna che sta crescendo…

Questa è la trama del simpatico film “Il padre della sposa” con Steve Martin (remake di un film di Vincente Minnelli del 1950), che riassume molto bene lo stato di shock e emozione che può colpire i padri che sentono le loro figlie annunciargli la volontà di sposarsi.

Un momento così topico come l’annuncio, in cui il temuto distacco si realizza, può far sorgere, anche nei padri più austeri e freddi, la sorpresa e l’emotività, proprio come papà George nel film!

In casi del genere, cosa dovrebbe fare la sposa di turno che si trova ad affrontare i capricci di un padre che l’ha coccolata per anni e che ora si sente abbandonato?

È molto importante prima di tutto far sentire il papà importante, attribuendogli il giusto ruolo che gli compete: c’è qualcuno che non ha mai notato l’uomo che accompagna la splendida sposa all’altare?
Eh già, questo ruolo importantissimo spetta proprio al babbo!

Sicuramente molti occhi saranno puntati su di lui in quel momento, per scrutare il suo volto, cercando di intuire un segno di commozione o una lacrimuccia rigargli la guancia barbuta.

Anche durante i preparativi, tuttavia, il padre della sposa ha un ruolo determinante, ed è importante coinvolgerlo in ogni ambito in cui darà il suo apporto diretto, cercando di interessarlo e rispettarlo (se non altro perché darà un significativo contributo economico!).
Quindi, perché non farsi accompagnare da lui a scegliere i fiori, o anche in un luogo in cui mai ci si immaginerebbe di portare il papà, come l’atelier per abiti da sposa?
E poi, una persona pratica e di esperienza come un padre saprà di certo consigliare la migliore soluzione per il luogo di ricevimento!
E a chi chiedere consiglio se non a lui per la scelta dell’automobile che vi porterà insieme in chiesa, per un ultimo, emozionantissimo, viaggio insieme prima delle nozze?

Sicuramente compirà questi gesti con lo stesso amore con cui ha cresciuto e protetto la sua bambina ormai donna.

Il compito della futura sposa, in particolare, sarà quello di consigliarlo sul look perfetto da adottare per un giorno indimenticabile; è molto importante che il papà scelga un vestito che segua lo stile del matrimonio, e non si sbizzarrisca in soluzioni eccentriche poco conformi alle scelte degli sposi e dei parenti più stretti.
Oltre all’abito, poi, sono importanti i dettagli: boutonier, gemelli e cravatta, che possono donare un tocco di classe ed eleganza inaspettata e personalissima, devono essere classici e di ottima qualità.

Un fascio di luce entra dalle porte della chiesa; improvvisamente due figure si stagliano al centro della porta e tutti gli sguardi si rivolgono, abbagliati, verso di loro: è finalmente arrivato il giorno delle nozze!

Il perfetto padre della sposa esordisce in un momento così delicato è emozionante.
Di certo solo la forza di un padre può aiutare la sposa a sostenere la camminata verso l’altare!
E dopo il classico discorso durante il ricevimento, il padre sarà chiamato ad un ultimo momento chiave: il ballo con la neosposa!

Care sposine, quale momento è migliore di questo per ringraziarlo per tutto quello che ha fatto, ricordargli il proprio amore e renderlo fiero e insostituibile, scacciando via ogni dubbio e gelosia?

a cura di Lemienozze.it

articoli correlati:
- Vestiti da sposa, tendenze 2011


Tag:, , , , , , ,