dieta-mediterraneaE’ una domanda che si pongono in molti ma nonostante una letteratura scientifica molto ricca di articoli che confermano la stessa cosa, pochi mesi fa la maggiore Autorità Europea si espressa in merito.

Infatti, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha rinnovato le linee guida sui valori dietetici di riferimento per una sana e corretta alimentazione.

Il documento è stato elaborato dagli esperti dell’Efsa con il contributo degli stati membri e della comunità scientifica internazionale su diretto invito della Commissione Ue, alla luce delle nuove evidenze scientifiche e delle recenti raccomandazioni emanate a livello nazionale e internazionale.

Le conclusioni del gruppo di esperti sono:
• l’assunzione di carboidrati dovrebbe oscillare tra il 45 e il 60% dell’assunzione totale di energia, per gli adulti e per i bambini;
• l’assunzione di 25 grammi al giorno di fibre alimentari è sufficiente per una normale funzione intestinale negli adulti;
• l’assunzione di grassi dovrebbero variare tra il 20% e il 35% dell’assunzione totale di energia, con valori diversi per lattanti e bambini a seconda delle specifiche esigenze dello sviluppo;
• ci sono inoltre buoni motivi per ritenere che maggiori assunzioni di grassi saturi e grassi trans portino ad un aumento dei livelli di colesterolo nel sangue, il che può contribuire all’insorgenza di cardiopatie;
• l’assunzione di 250 mg al giorno di acidi grassi omega-3 a catena lunga negli adulti può ridurre il rischio di cardiopatie;
• si ritiene adeguata un’assunzione giornaliera di 2 litri di acqua per le donne e di 2,5 litri per gli uomini.

Per quanto concerne gli zuccheri ci sono buoni motivi per ritenere che il consumo frequente di cibi a elevato tenore zuccherino aumenti il rischio di carie dentaria, così come si evidenzia un legame tra gli apporti elevati di zuccheri sotto forma di bevande e l’incremento di peso.
Il gruppo di esperti scientifici ha tuttavia riscontrato che non vi erano prove sufficienti per definire un limite massimo per gli zuccheri.

Analizzando attentamente il documento, si evince che i DRV per carboidrati totali, zuccheri, grassi e fibre alimentari sono del tutto simili a quanto già sostenuto e acclarato negli ultimi anni dalla comunità scientifica internazionale, pertanto il loro soddisfacimento è più che assicurato da una alimentazione varia, completa ed equilibrata, del tutto simile alla dieta mediterranea che resta.
Senza ombra di dubbi. La migliore in assoluto.

a cura del Prof. Pierluigi Pecoraro
Nutrizionista

articoli correlati:
- Dieta mediterranea: dimagrire mangiando


Tag:, , , , , , , , ,