preparazione al partoRitengo sia importante insegnare alle donna a prepararsi al parto nella maniera più naturale e delicata possibile.

Gli ultimi studi ci rivelano come purtroppo siano sempre meno le donne che si avvicinano a corsi di preparazione al parto e questo non fa che alimentare la sempre più medicalizzata nascita del terzo millennio.

C’è un enorme errore di fondo, la società consumistica in cui viviamo, ogni evento che ruota attorno ai 9 mesi porta grandi guadagni alla società e quindi sempre piu errati messaggi arrivano alle Nostre povere donne.

Un esempio? Terzo millennio e dolore da parto SONO INCOMPATIBILI, ma perché se durante i 9 mesi la donna è dovuta stare attenta e sopportare a denti stretti un mal di testa, un mal di denti perché “meglio non assumere medicine” ora può addirittura sottoporsi ad anestesia epidurale?

Per non parlare poi della preparazione al parto si parla soltanto di quale dovrebbe essere il comportamento della gestante per facilitare quello di noi operatori invece di darle una effettiva ed efficace preparazione ai 9 mesi, al travaglio e al parto al dopo parto.

Può sembrare strano che una donna debba “prepararsi” al parto e alla maternità, in fondo sono funzioni completamente naturali, istintive, biologiche …

Il nostro corpo è progettato in maniera tale da ospitare, partorire e nutrire la prole …
Come x tutti i mammiferi .. tranne che a differenza loro, noi ostentiamo difficoltà ad applicare il nostro potenziale istintivo …

Ma non è sempre stato così … nelle tradizioni e culture di tutto il Mondo la capacità delle donne di partorire e di nutrire il loro bambino era onorata e profondamente rispettata come punto centrale della vita.

È stata l’evoluzione della nostra società sempre più industrializzata a svalutare il potere delle donne come dispensatrici di vita ed a sostituirlo con la scienza medica, c‘è bisogno di metodi efficaci un esempio più che valido può essere lo yoga dei 9 mesi per recuperare la nostra capacità di partorire e utilizzare il nostro potenziale biologico di madri ..

Il parto è il risultato di tutto ciò che accade durante la gravidanza … ma nella nostra società la gravidanza purtroppo è molto sottovalutata.

Purtroppo molte donne considerano il parto come un fatto clinico e ci si avvicinano con timore
- con la conseguente delega al medico di tutti i loro 9 mesi …
- con la conseguente attenzione tutta concentrata sulle cure prenatali e sulle indagini cliniche piuttosto che sulla nuova vita che si sta formando e sui 2 nuovi genitori che stanno nascendo …

Gli aspetti emotivi, spirituali e fisici della gravidanza sono di importanza vitale e non devono mai essere trascurati … e la donna deve essere sempre libera di seguire il suo istinto …

L’abilità necessaria x superare il travaglio sta nel rilassarsi e nel fidarsi del proprio corpo, facendo a meno della mente e lasciando che l’istinto prenda il sopravvento.

La grande paura del parto nella nostra società è proprio l’abbandono alla parte irrazionale più profonda, di cui non siamo consapevoli, che è la parte più vera, quella, legata alla sopravvivenza della specie.
La donna durante il travaglio ha bisogno di entrare in comunicazione con questa parte più antica legata alla mente di razza e che come donna possiede naturalmente.

Mi raccomando future mamme cercate il corso per i 9 mesi che più vi si addica, non partecipate ad un corso solo perché lo avete vicino casa se non rispetta il vostro pensiero e le vostre aspettative.

Il parto è la più splendida trasformazione della realtà: per 9 mesi c’è una donna con il pancione e un secondo dopo c’è una mamma ed un bambino, fate in modo che venga rispettato questo magico momento di sacralità e di conoscenza tra te e il tuo bambino.

a cura della Dott.ssa Serena Anzillotti
Ostetrica

articoli correlati
- Parto, evento fisiologico o patologico?


Tag:, , , , , , , , , , , ,