Gluten-SensitivitySecondo uno studio dell’Università del Maryland, oltre alla celiachia, esiste un’intolleranza al glutine, la Gluten Sensitivity, spesso non diagnosticata e che riguarda circa il 6% della popolazione.

Alla ricerca sulla Gluten Sensitivity ha collaborato anche l’università di Napoli, dove sono stati reclutati i pazienti che hanno preso parte allo studio.

La Gluten Sensitivity è spesso confusa con la sindrome del colon irritabile.

I sintomi sono dolori addominali, affaticamento, mal di testa, mente annebbiata o formicolio alle estremità.
La soglia di tolleranza al glutine è individuale: ossia una persona può avere problemi mangiando solo un pò di pasta. Altre invece possono consumare alimenti ricchi di glutine senza avere conseguenze.
La sensibilità può aumentare nel corso della vita o scomparire naturalmente senza lasciare danni.

Nella celiachia invece il glutine attacca l’intestino tenue e se non diagnosticata e trattata può portare ad altre patologie come osteoporosi, l’infertilità e, casi rari, tumore.

Nel caso della Gluten Sensitivity, la responsabilità è dei prodotti dove la percentuale di glutine è stata aumentata artificialmente.
L’ organismo non è in grado di riuscire a gestire queste sostanze.

a cura di Imma Manna

articoli correlati:
- Celiachia: cosa mangiare senza utilizzare prodotti confezionati specifici