william-e-kate-matrimonioIn ogni fiaba che si rispetti c’è un lieto fine, e la ragazza comune, semplice e dall’animo puro, sposa il Principe Azzurro: affascinante, coraggioso, nobile; dai romanzi ai film, questo scenario ha contribuito a formare l’immaginario femminile e ha permesso a tantissime giovani donne di sognare l’arrivo del proprio amore in sella ad un cavallo bianco.

Eventi come quello che ha avuto luogo a Londra, il 29 Aprile 2011, contribuiscono a rinnovare questo sogno, rendendolo reale, e permettendo a milioni di donne di fantasticare e emozionarsi.

Vi state domandando cosa sia accaduto nella capitale britannica poco più di una settimana fa?

Sicuramente già lo sapete: il matrimonio del Principe William con la bella Kate Middleton è stato un evento mediatico di portata mondiale.

Era dai tempi del matrimonio dei genitori di William, il Principe Carlo e l’indimenticabile Lady D, che un matrimonio reale non aveva un’eco di tale portata.
Sarà perché la monarchia britannica è l’unica grande dinastia ad aver sempre mantenuto alto il suo onore, il suo nome e il suo prestigio nel corso della Storia, ma il fascino di Buckingham Palace, del Castello di Windsor e della Corona mettono le ali alla fantasia e ci trasportano in un mondo aristocratico e nobile dalle sfumature pseudo – disneyane.

Ogni dettaglio, perciò ha rispecchiato lo scenario ideale; partendo dall’Abbazia di Westminster, addobbata in grande stile, fino alla carrozza che ha accompagnato gli sposini fra la folla, tutto è sembrato uscire dalla penna di un bravissimo narratore.

L’abito da sposa, su cui tanto si era discusso, ha colto perfettamente nel segno: un delicato pizzo a coprire le spalle, un velo diafano e celestiale e uno strascico romanticissimo hanno lasciato tutti a bocca aperta. Fra i tanti abiti da sposa
di cui si era parlato, quello scelto da Kate dimostrato eleganza e raffinatezza: uno stile davvero impeccabile.

Lo sposo, da parte sua, indossava l’alta uniforme, come tradizione regale vuole.
Sarà gentile e generoso non commentare il suo stile.

La Regina, invece, ha come al solito dimostrato di essere l’espressione più alta dell’eleganza britannica.
Il suo completo giallo canarino era sicuramente adatto all’occasione, elegante e, appunto, molto molto british.
Che dire poi della ormai famosissima damigella d’onore?
La sorella della sposa, Pippa, ha attirato su di sé gli occhi di tutti; la sua eleganza e il suo fascino sono stati ritenuti addirittura esagerati, tanto da sottrarre la dovuta attenzione alla sposa.

Gli invitati famosi? Beh, l’austera monarchia britannica ha decisamente evitato che l’evento diventasse pop nel senso più commerciale e spettacolare del termine.
A conferma della volontà di affermare l’autorevolezza e rinvigorire l’immagine della Corona, i pochi invitati famosi sono stati praticamente delle comparse.
David e Victoria Beckham, Rowan “Mr. Bean” Atkinson, e l’immancabile Elton John hanno reso la cerimonia più glamour ma senza spostare i riflettori sulla frivolezza da tabloid.

Il cerimoniale è stato rispettato in tutta la sua formalità, e l’unico momento anticonvenzionale è stato la simpatica uscita degli sposi da Buckingham Palace dopo il ricevimento offerto dalla Regina.

Gli sposi si sono allontanati dal palazzo alla guida di una decappottabile sportiva addobbata con tanto di palloncini e barattoli; un po’ di ironia ha reso la favola ancora più affascinante e quest’immagine si è impressa di certo nelle menti e nei cuori di tante donne desiderose di vivere il proprio sogno nuziale, andando a rimpiazzare quella del Principe Azzurro in sella al cavallo bianco: sarà lo Zeitgeist, l’Esprit du temps o, volendo rispettare il contesto, The Spirit of the Times, ma le favole contemporanee non reggono il confronto con quelle del passato!

a cura di LeMieNozze.it

articoli correlati:
- Consigli per un matrimonio davvero originale


Tag:, , , , , , , , , ,