perdite vaginali Le frequenti perdite vaginali, diversamente da quanto spesso si pensa, non sono da considerare propriamente un’anomalia nelle donne. Esse sono infatti la “reazione” della mucosa vaginale, che a seconda delle variazioni ormonali, secerne una diversa quantità di muco, che a seconda dei periodi può essere caratterizzato da una consistenza “viscosa” o “acquosa”.

Nel primo caso, i microfilamenti si restringono (periodo meno fertile), mentre nel secondo caso, si allargano (periodo più fertile) per consentire, proprio durante l’ovulazione un ingresso più facile agli spermatozoi. Per cui non è il caso di allarmarsi anche in presenza di abbondanti perdite, purchè esse non emettano cattivo odore e siano di colore chiaro, bianche o semitrasparenti.

Infezioni come vaginosi, candida, clamydia, danno invece luogo a pruriti e irritazioni, causando fastidio e dolore anche durante i rapporti sessuali. In mancanza di questi sintomi, non preoccupatevi, il vostro sistema riproduttivo è in piena forma e il complesso meccanismo che lo compone, lavora a pieno ritmo per garantire l’igiene e la lubrificazione della vagina .

A cura di Benedetta Mancusi

 

Articoli correlati:

Perdite Vaginali, imparare a riconoscerle

Prurito intimo, bruciore vaginale , utilizzo di prodotti specifici

Prurito intimo : consigli e precauzioni


Tag:, , ,