dietasonno In Italia, circa 18 milioni di persone soffre di questo disturbo, che influisce negativamente sulla propria vita e sul proprio rendimento al lavoro. Il mancato sonno e il cattivo riposo, rendono le persone che ne sono vittime, particolarmente irritabili, causando problemi di concetrazione e di memoria.

Ma per far fronte a questo problema, non bisogna necessariamente ricorrere ai farmaci: spesso un’adeguata alimentazione, può aiutarci a ridimensionare il nostro riposo. A questo proposito, la Coldiretti ha elaborato la stesura di una serie di alimenti in grado di aiutarci nel processo di rilassamento prima di andare a dormire. Fra i cibi più efficaci vi sono molte verdure: la lattuga, le rape, la zucca, l’aglio, radicchio rosso, cavolo; ben vengano anche i cereali e i legumi, fra cui: lenticchie, orzo, riso ma anche alimenti come uova bollite, pesce fresco, pane e frutta dolce; quest’ultima molto importante in quanto ricca di fruttosio, che favorisce la sistesi cerebrale della serotonina, l’ormone che ci introduce al sonno. Una particolare attenzione va invece al latte ed ai suoi derivati: formaggi freschi, yogurth e un bel bicchiere di latte caldo prima di andare a dormire, sono in grado di fornire ottimi risultati, attenuando ansia e nervosismo.

Da evitare assolutamente, tutte le conserve e i cibi in scatola, i condimenti eccessivi, alcuni tipi di spezie alla sera (paprika, curry, pepe in generale), alcolici, caffè, cibi pesanti e cacao o cioccolata, che rendono difficile la digestione e peggiorano la qualità del sonno.

A cura di Benedetta Mancusi

Articoli correlati: Dieta contro il rischio di insonnia da ora legale


Tag:, , , , , , , , , ,