funghi Sembrano degli innocui funghi, simili a quelli che comunemente consumiamo, ma alcuni dei loro componenti possono produrre effetti assai più pericolosi. La psilocibina, un allucinogeno contenuto in alcune specie di funghi, se assunto saltuariamente, o addirittura anche una sola volta, può mutare definitivamente il comportamente di un soggetto, alterandone la personalità.

Lo afferma un esperimento condotto dall’Università Johns Hopkins di Baltimora, che una volta ottenuto il benestare del comitato etico, ha potuto procedere all’osservazione del fenomeno da vicino, coinvolgendo 51 persone che hanno testato direttamente gli stupefacenti. A distanza di 14 mesi dalla somministrazione, circa nel 60% delle persone sotto osservazione è stato possibile riscontrare mutamenti di umore e personalità, con un maggiore grado di propensione all’apertura verso gli altri e ad una rinnovata sicurezza e disinvoltura.

Ma i medici mettono subito in guardia: questi non sono che pochi dei “miracolosi” effetti della psilocibina: i contro sono rappresentati dai numerosi stati d’ansia e di paura incontrollabili che si presentano negli intervalli di tempo che intercorrono dall’assunzione alle fasi euforiche. Atteggiamenti pericolosi per chi fa uso di queste sostanze, per la propria sicurezza e per quella degli altri, poichè sotto l’effetto della droga non è esattamente con chiarezza che si osservano le cose.

A cura di Benedetta Mancusi

 

Articoli correlati: Redbull vietata in Germania, riscontrate tracce di cocaina


Tag:, , , , , , , ,