artrite Le statistiche parlano chiaro: in Italia sono oltre 350.000 i pazienti che soffrono di artrite reumatoide, una malattia che miete sempre un maggiore numero di vittime e che coinvolge, contrariamente a quello che spesso si pensa molte persone giovani e in alcuni casi, addirittura anche bambini.

Ma la malattia, sembra prediligere il genere femminile, se si considera che le donne malate hanno un rapporto di 5 a 2 rispetto agli uomini, che vuol dire circa il 75% dei pazienti in questione. Lo hanno dimostrato di recente le statistiche elaborate dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (Onda) insieme all’Associazione Nazionale Malati Reumatici (Anmar). Cifre allarmanti se si considera che le vittime sono donne di età compresa tra i 35 e i 50 anni, che devono imparare a coabitare con una piaga difficile.

L’artrite causa dolori insopportabili, deformando gli arti e compromettendo lo svolgimento delle normali attività quotidiane. L’esame ha dimostrato anche come chi ne è affetto riscontri gravi difficoltà nelle relazioni con gli altri, all’interno della vita di coppia, nella maternità, nei rapporti sessuali, alterando l’equilibrio pscichico e quello motorio, flagellando l’autostima individuale e soprattutto innestando un meccanismo di cronicità del dolore, col quale bisogna imparare a convivere giorno per giorno.  

A cura di Benedetta Mancusi

Articoli correlati: Artrite reumatoide: cuore a rischio

Artrite reumatoide: un decalogo su come affrontare la malattia

Artrite reumatoide, gli effetti positivi dell’alcool sull’infiammazione


Tag:, , , ,