moto e cervello

Può sembrare che ci sia un conflitto d’interessi fra la ricerca che ha condotto a questi risultati e la sua stessa origine: il Giappone.
Eppure, i ricercatori dell’Università di Tohoku in collaborazione con la celebre Yamaha, casa produttrice, fra l’altro, di moto & Co. , hanno seriamente portato avanti una loro teoria, testando 20 soggetti diversi al fine di dimostrare come, l’utilizzo dei motocicli possa stimolare le attività cerebrali.  In effetti, ciò che ne emerge, è un risultato stupefacente.
Lo stretto e continuo contatto con uno stato di pericolo, avvertito dal nostro stesso corpo, fa si che le aree prefrontali del cervello, che coinvolgono memoria e concentrazione, siano maggiormente sollecitate nei “centauri“  rispetto alle persone che  non posseggono una moto. Sembra che la scoperta nipponica sia una vera e propria conquista per i motociclisti, che ora hanno una alibi in più per salire in sella alle due ruote.

 

 

 

A cura di Benedetta Mancusi

Articoli correlati: Amore, innamoramento e cervello


Tag:, , , , , , , , , , , , ,