sordità anzianiSi chiama FGF20. E’ questo il gene che secondo gli scienziati della Washington University School of Medicine causerebbe la sordità in età avanzata. Dalla ricerca amerciana è infatti emerso che la sua mancanza determinerebbe la perdita completa dell’udito degli animali.

Lo studio, pubblicato su Plos Biology, apre la via a nuovi tipi di trattamenti che siano in grado di prevenire la perdita dell’udito nelle persone over 60. Nel corso delle analisi, i ricercatori hanno scoperto che due terzi delle cellule ciliate esterne, ovvero le cellule dell’orecchio interno che sottendono all’amplificazione dei suoni, erano scomparse, il che aveva prodotto inevitabilmente un danno all’udito.

Il gene in questione è legato alla crescita dei fibroblasti, cellule fondamentali per lo sviluppo del tessuto e la cura delle ferite negli embrioni. Al contrario di quelle esterne, le cellule ciliate interne – che servono a trasmettere elettricamente i suoni amplificati al cervello – non accusavano alcun danno.

L’autore dello studio Sung-Ho Huh spiega: “è la prima evidenza che mostra come le cellule ciliate interne ed esterne si sviluppino indipendentemente le une dalle altre. Questo è importante perché la maggior parte dei casi di sordità legati alla vecchiaia è dovuta alla perdita di cellule ciliate esterne. Il passo successivo sarà vedere se la sordità dell’uomo è associata a mutazioni dello stesso gene”.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-In aumento i problemi uditivi: ecco come prevenirli


Tag:, , , ,