latte distributoreArriva dal Mistero della Salute l’ultima raccomandazione in fatto di alimentazione. Bisogna bollire il latte crudo, e lasciarlo sul fuoco in ebollizione per dieci minuti.

Un consiglio di certro non nuovo che però il Ministero ha voluto ribadire dopo aver preso visione delle analisi dell’Istituto zooprofilattico di Torino, che ha rilevato 18 casi di batteri patogeni presenti nel latte crudo erogato dai 178 distributori del Piemonte.

In altri paesi, come Canada e Australia, la vendita del latte cruso è vietata, in molti altri paesi è soggetta a restrizione, così come i formaggi fatti con il latte crudo. In Italia, Il Ministero ha ricordato l’obbligo della dicitura “da consumarsi previa bollitura” che i distributori automatici, registrati e controllati, devono riportare a chiare lettere.

I rigidi controlli sanitari e la bollitura rendono il latte crudo un prodotto sicuro, esattamente come quello pastorizzato. Maggiore attenzione devono porre però le donne in gravidanza e neonati, tanti i medici che lo sconsigliano, ma tanto anche i pediatri che lo consigliano, a patto però che sia controllatissimo.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Latte, fa davvero bene?


Tag:, , , ,