elettrocardiogramma infarto luttoIl dolore per la perdita di una persona cara può aumentare il rischio di un attacco cardiaco.

 E’ quanto è emerso da uno studio condotto su 2.000 persone che avevano di recente perso un parente o un amico: il rischio di attacco cardiaco è stato calcolato 21 volte maggiore nel primo giorno in cui si ha la notizia della perdita, e 6 volte maggiore nella prima settimana.

I sintomi da tenere d’occhio sono dolore al petto e respiro corto, che possono rivelarsi spie importanti soprattutto per chi già soffre di problemi cardiovascolari.

L’allarme però è rivolto a tutti. Una forte emozione, infatti, può comportare una reazione fisica grave anche in chi è un buona salute, come l’aumento della pressione arteriosa e l’accelerazione del battito cardiaco.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Quando la crisi colpisce al cuore


Tag:, , , , , ,