Wislawa_SzymborskaSi è spenta mercoledì a Cracovia, all’età di 88 anni, la poetessa polacca Wislawa Szymborska, ma non si spegne l’eco dei suoi versi.

Aveva vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1996, rivelando un’umiltà e un senso leggero delle cose che traspariva da ogni sua poesia.

Tanti i lettori in tutto il mondo che hanno manifestato il loto dolore e che continueranno a leggere le sue poesie, intrise di grazia e disperazione, sempre attente alle piccole cose di tutti i giorni, con un sense of humour difficile da trovare in altri poeti.

E per ricordarla ecco alcuni dei suoi versi.

“Ad alcuni piace la poesia”

Ad alcuni -
cioè non a tutti.
E neppure alla maggioranza, ma alla minoranza.
Senza contare le scuole, dove è un obbligo,
e i poeti stessi,
ce ne saranno forse due su mille.

Piace -
ma piace anche la pasta in brodo,
piacciono i complimenti e il colore azzurro,
piace una vecchia sciarpa,
piace averla vinta,
piace accarezzare un cane.

La poesia -
ma cos’è mai la poesia?
Più d’una risposta incerta
è stata già data in proposito.
Ma io non lo so, non lo so e mi aggrappo a questo
Come alla salvezza di un corrimano.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Cinema: è morto il regista Ken Russell


Tag:, ,