integratori-alimentariSi chiama alchilbenzene, ed è una sostanza, già vietata nell’Unione Europea come aromatizzante per gli alimenti, che è invece ancora presente in alcuni integratori alimentari e che aumenterebbe il rischio di cancro al fegato.

Un team di ricercatori dell’universita’ di Wageningen, nei Paesi Bassi, e dell’universita’ di Milano, ha scoperto che sono in vendita alcuni integratori alimentari vegetali contenenti alchilbenzeni a livelli paragonabili a quelli che aumentano i casi di cancro nei test sperimentali sugli animali.

Sono stati osservati circa 30 integratori, tutti a base di basilico, finocchio, noce moscata, sassofrasso, cannella o calamo o i loro oli essenziali, che sono purtroppo ancora in commercio poichè mancano ancora le norme che stabiliscano limitazioni sulla presenza degli alchilbenzeni negli integratori alimentari.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Donne: il costante utilizzo di integratori può nuocere alla salute