118Il 118 va chiamato solo in casi di vera urgenza per non intasare il servizio, negli altri casi è meglio recarsi al Pronto Soccorso da soli. A spiegare agli italiani regole e comportamenti adeguati anche in caso di emergenze ci penseranno nelle prossime settimane alcuni spot trasmessi dalla Rai e voluti dal Ministero della Salute.

Dal dolore al petto alla difficolta’ o assenza di respiro, dalla perdita di coscienza ai segni di soffocamento: sono queste alcune delle situazioni in cui il cittadino deve assolutamente contattare il servizio di emergenza 118. Agli spot si affiancheranno alcuni vademecum di consigli disponibili, sotto forma di schede, in otto diverse lingue.  Le indicazioni saranno recepite dalle Regioni, che a loro volta decideranno il modo di veicolarle ai cittadini. 

”Nel prossimo Consiglio nazionale della Federazione nazionale degli ordini dei medici Fnomceo – ha affermato Luigi Conte, del Comitato centrale della Fnomceo – saranno presenti i 106 presidenti degli Ordini regionali, ai quali verra’ distribuito il dvd con i contenuti della Campagna, con l’obiettivo di diffondere il messaggio a livello provinciale e sui nostri siti. E’ un’iniziativa importante, tuttavia – ha concluso l’esperto – e’ ovvio che il problema non si esaurisce qui e va ripensato il ruolo e l’utilizzo del sistema di emergenza”

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Punture d’insetti , punture di medusa, morso di vipera : inconvenienti e rimedi


Tag:, , , , , ,