assitenza ospedaleLa giornalista britannica del Guardian, Deborah Orr, che ha vissuto sulla sua pelle l’esperienza della malattia, ha scritto un decalogo di frasi, troppo spesso ripetute credendo di fare del bene, ma che sono assolutamente da evitare con i malati di tumore.  Ecco la top ten:

“Non sai quanto mi dispiace per te”. “Se c’è qualcuno che può combattere questa malattia, sei proprio tu!”. E ancora: “Ti trovo proprio bene” (chi è malato sa che è una menzogna). “Hai un pessimo aspetto” (non c’è bisogno di conferme in questi casi). La quinta frase è “Fammi sapere i risultati degli esami”. “Qualunque cosa io possa fare per aiutarti, sono a tua disposizione”.

Basta anche con i giudizi fuori luogo, scrive la giornalista: “Le tue preoccupazioni sono infondate”. “Cosa si sente davvero con la chemioterapia?”.“Ho davvero bisogno di vederti”.“Sono terribilmente sconvolto per la tua condizione”.

Accanto ad un malato di tumore ci devono essere persone positive e ottimiste. Certo, sostenere psicologicamente un paziente di questo tipo non è facile, ma meo parole e più sensibilità aiuteranno certamente.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Più frutta e verdura per combattere il cancro al seno


Tag:, , ,