abbronzaturaL’estate è alle porte e con lei anche un nuovo tipo di solari di ultimissima generazione: i solari che non solo proteggono ma ‘immunoproteggono’, sia dai raggi uva che dagli uvb.

Questi “solari intelligenti“, presentati ieri a Roma dalle due aziende farmaceutiche produttrici, contengono fotoimmunoprotettori naturali come te verde, nicotinamide ed ectoina, e ha il 30% di filtri chimici in meno.

”Con questo nuovo solare si entra nell’era della fotoprotezione moderna – spiega Stefano Manfredini, direttore del Master in Scienza e Tecnologia Cosmetiche dell’universita’ di Ferrara – I raggi uvb provocano danni subito visibili, come arrossamento e scottature, oltre ad essere imputati nella genesi del melanoma, ma gli uva, anche se meno energetici, sono piu’ penetranti, in grado di raggiungere il derma e, quindi, possono avere un ruolo di primo piano nella fotocarcinogesi, nel fotoinvecchiamento, nella fotoimmunosoppressione”.

Uno degli errori piu’ frequenti che si commette con l’arrivo dell’estate, aggiunge Giuseppe Monfrecola, professore di Dermatologia presso l’universita’ Federico II di Napoli, ”e’ quello di esporsi al sole con una full immersion da week end. Si passa dallo stare completamente vestiti allo stare sotto il sole per ore, il piu’ delle volte senza protezione solare”.

Ma bisogna fare molta attenzione, anche perchè pelli diverse richiedono precauzioni diverse: ”i bambini devono usare prodotti che mantengano la capacita’ filtrante anche in condizioni particolari – continua Manfrecola – come in acqua o sulla sabbia; i ragazzi con acne dovranno scegliere un prodotto non grasso e che, oltre ai filtri solari, contenga anche sostanze sebostatiche e coadiuvanti la terapia per l’acne. Chi teme il fotoinvecchiamento o e’ avanti con gli anni deve invece scegliere un solare che contenga molecole antiradicaliche o antiinfiammatorie e sostanze in grado di idratare e nutrire la pelle”.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Abbronzatura: la frutta che aiuta la tintarella


Tag:, , , , , , , ,