cancro al senoAlcuni ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno scoperto una forte associazione tra il rischio di cancro al seno e un’alterazione molecolare in un gene dei globuli bianchi, noto come atm. Una scoperta dal risvolto molto interessate: sarà infatti possibile in un prossimo futuro identificare le donne a rischio dicon un semplice test del sangue.

Gli studiosi hanno analizzato i campioni di sangue di 1.380 donne, 640 delle quali hanno sviluppato il tumore alla mammella. Si tratta di un risultato cui gli scienziati sono arrivati cercando prove della metilazione, meccanismo epigenetico che rende i geni sensibili all’esposizione a fattori ambientali come ormoni, radiazioni, alcol, fumo o inquinamento, e che accende e spegne i geni.

In particolare si e’ visto che le donne con i livelli piu’ alti di metilazione, che influiscono sul gene atm, hanno una probabilita’ doppia di sviluppare il cancro al seno rispetto a quelle con i livelli piu’ bassi. In media il test del sangue e’ stato fatto tre anni prima della diagnosi, in alcuni casi anche 11 anni prima.

Grazie a questa scoperta non soolo sarà possibile individuare la malattia nel suo stadio iniziale, ma, insieme ad altre informazioni come la familiarita’, si potranno identificare le donne da seguire con azioni preventive.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Boobstagram: la provocazione lanciata dalla rete per sensibilizzare le donne


Tag:, , , , ,