bambinoBasterà un campione di saliva del padre e un prelievo del sangue della madre per decifrare il Dna del nascituro ed escludere migliaia di minuscole mutazioni che possono dare origine a malattie genetiche.

L’obiettico dei ricercatori è quello di bypassare l’amniocentesi, e soprattutto di farlo senza rischi in piena sicurezza dei futuri genitori e del nascituro.

A consentire una diagnosi prenatale sempre piu’ precisa, alla 18/ma settimana di gravidanza, sarà un nuovo test non invasivo messo a punto dai ricercatori dell’universita’ di Washington e illustrato sulla rivista Science Translational Medicine.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Maschio o femmina? Oggi lo rivela un test sul sangue materno


Tag:, , , , ,