fagioliFerro e zinco, questi gli ingredienti per affrontare al meglio gli esami scolastici. È questo infatti il periodo in cui ansia, stress, e carenza di energia fisica colpiscono gli studenti chiamati a superare le prove scritte e orali. Secondo gli esperti il rendimento scolastico dipende anche da quello che mettiamo nel piatto: cereali, fagioli e carne rossa, tutti alimenti ricchi appunti di ferro e zinco,  influiscono sui risultati scolastici, e ciò vale in particolare per le ragazze.

A confermarlo è uno studio condotto su quaranta studentesse dal Servizio di Fisiopatologia Metabolico-nutrizionale dell’Istituto Scientifico di Montescano e pubblicato sulla rivista Current Topics in Nutraceutical Research. L’assunzione di ferro è significativamente associata a buoni voti in matematica, scritta e orale, e in italiano scritto, lo zinco invece influisce sui risultati in matematica ma non in italiano.

I ricercatori sottolineano che mantenere una media scolastica superiore al 6 in tutte le materie, memoria, attenzione, capacità di ragionamento e ideazione, per molti studenti è semplice, ma a molti altri costa fatica. E il risultato non sempre dipende dalla naturale predisposizione o dalla volontà e l’impegno.

«L’impatto negativo dell’insufficienza alimentare sulla capacità di apprendimento dei bambini è ampiamente documentato, come è stato anche dimostrato che la carenza di ferro riduce il rendimento scolastico, mentre l’integrazione di ferro, quando manca nella dieta, migliora le performance», sottolinea Roberto Aquilani, responsabile del servizio di fisiopatologia metabolico-nutrizionale della Fondazione Maugeri.

«È interessante sottolineare – conclude Aquilani – che non sono stati somministrati integratori di ferro e zinco nella dieta delle studentesse prese in esame e che la valutazione del rendimento si è basata sui risultati ottenuti all’interno dei programmi scolastici, non da test di valutazione specifici. Questo fa pensare a una lunga durata dell’azione di ferro e zinco, se assunti regolarmente in modo da garantire al cervello un apporto costante».

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-La dieta mediterranea aiuta a prevenire le malattie dell’apparato cardio-circolatorio


Tag:, , , , , , , , ,