Donna allo specchioFino al 50% delle donne adulte dai 20 ai 60 anni di età, guardandosi allo specchio, vede soprattutto i difetti. A 25 anni la prima cosa di cui non è soddisfatta sono il naso (26%) che considera troppo prominente e il 48% lo vorrebbe ritoccare col bisturi. Al secondo posto della hit dei difetti viene il tipo di pelle (24%).

I dati emergono sda una ricerca condotta su un campione di 200 signore dai 20 ai 60 anni di età dagli specialisti del dipartimento di chirurgia plastica ed estetica della università di Ankara. 

Ma quali sono invece i punti forti? Le donne sui 35 anni considerano attraenti le labbra (36%) e lo sguardo (24%), mentre osservano in modo critico la pelle (36%) e in particolare quella del contorno occhi (26%), e ancora una volta il naso. Salendo con l’età, si fa pace con il proprio naso, ma la questione pelle si fa più importante, soprattutto per quella del contorno occhi perchè a 45 anni fa apparire più vecchie (30%). Infatti il 36% delle donne vorrebbe “ritoccare” questa area. A 55 anni il nuovo cruccio è la linea della mandibola che scende per forza di gravità e le invecchia (34%). Vorrebbero modificarla il 30% delle donne.

La questione dipende dal fatto che “il campione osservato ha come riferimento di bellezza donne più giovani – spiega Billur Sezgin, chirurgo plastico e autore della ricerca – si tratta di un paragone non salutare e scoraggiante che le spinge sempre di più dal chirurgo. Il 20% delle donne che va sotto i ferri ha disordini psichiatrici e di queste l’80% è depressa. I medici devono selezionare solo le candidate ideali per non creare attese irrealistiche”.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Una donna campana su due vuole il fondoschiena come quello di Belen


Tag:, , , , ,