caffeIl principio attivo contenuto nella caffeina pare sia in grado di aumentare la potenza muscolare. Un effetto che si prolunga nel tempo e che potrebbe essere d’aiuto nelle persone anziane per ridurre il rischio di cadute dovute a debolezza muscolare.

La scoperta dell’attività sui muscoli da parte della caffeina è stata presentata nei giorni scorsi dai ricercatori dell’Università di Coventry (Uk) che hanno mostrato una serie di prove per cui la caffeina agisce come stimolante della forza muscolare durante la vita delle persone che l’assumono. L’effetto, come è facile dedurre, si mostra più evidente durante l’età adulta quando i muscoli sono più efficienti. Tuttavia, il declino fisiologico dovuto all’avanzare dell’età rende i muscoli sempre più deboli.

Nell’anziano, per esempio, il problema della forza muscolare può essere causa di cadute accidentali che possono avere conseguenze che vanno al di là del semplice disagio dovuto alla difficoltà di deambulare (muoversi, camminare eccetera) come, per esempio, rottura di ossa o in alcuni casi contusioni anche gravi alla testa.

Se dunque la caffeina può continuare a svolgere il suo lavoro anche sui muscoli delle persone anziane potrebbe rivelarsi una sorta di preventivo delle cadute ma anche uno stimolo a fare più movimento quando si è in una fase della vita in cui forse si ha meno voglia di muoversi.

Discorso che però non vale per i giovanissimi. La caffeina infatti pare non sortire effetti nel potenziare la forza muscolare nei muscoli in via di sviluppo.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Il caffè: elisir di lunga vita


Tag:, , , , ,