funghiPer scongiurare i rischi alimentari, occorre prestare attenzione a particolari prodotti come pesce crudo e funghi.

Una guida alla prevenzione delle intossicazioni dei funghi e’ stata presentata al ministero della Salute per rimarcare come ogni anno vi sia un migliaio di casi di intossicazione. Il manuale, con la collaborazione, oltre che del ministero, anche del Centro Antiveleni di Milano e dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, elargisce alcune regole per evitare brutte sorprese.

La prima regola da seguire e’ qualle di non consumare funghi non controllati da un vero micologo. Se una trattoria si serve da un coltivatore, e’ bene chiedere comunque la provenienza, perche’, sottolineano gli esperti, di funghi si muore oggi come in passato. Il consumo consigliato e’ di quantita’ moderate.

 Non sempre i sintomi sono a breve latenza, possono verificarsi anche dopo oltre 20 ore. E’ bene non farli mangiare da bambini con meno di 12 anni e se si è in gravidanza. Tra i consigli anche quello di sbollentare i funghi prima del congelamento e consumarli entro 6 mesi, naturalmente ben cotti e in perfetto stato di conservazione. E attenzione ai funghi sottolio dove si puo’ sviluppare la tossina botulinica.

Dal ministero della Salute anche dei piccoli fascicoli, dedicati ai bambini, in cui si spiega perche’ prodotti come latte, miele, uova, carne e pesce siano sicure. Attraverso il linguaggio dei fumetti si ricostruisce a ritroso tutta la catena di controlli e verifiche dell’alimento.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-Bambini e verdure: arriva Capitan Kuk


Tag:, , , ,