videogiochiI videogiochi si sono dimostrati uno strumento efficace per restituire forza e destrezza alle vittime di ictus, anche a distanza di anni dall’iniziale ricovero in ospedale. Lo ha dimostrato un programma intenso di due settimane, detto Wii-based Movement Therapy.

I pazienti giocano usando la console Wii della Nintendo per rafforzare i muscoli e i nervi nelle braccia e nelle mani colpite dall’ictus. La dott. Penelope McNulty, che dirige il programma, ha elogiato la terapia, perché con altri metodi di riabilitazione la maggior parte dei pazienti trova difficile restare motivati.

“La terapia costa poco, è facile da usare e, quel che più conta, é divertente. Offre ai partecipanti motivazione a completare la terapia, il che è essenziale per il miglior recupero possibile”, ha aggiunto.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-La realtà virtuale nuoce alla coppia


Tag:, , ,