ecstasyLe persone che usano anche per un breve periodo di tempo l’ecstasy possono lamentare un danneggiamento della memoria : lo suggerisce uno studio condotto presso l’università di Colonia e pubblicato sulla rivista Addiction.

Gli autori dello studio hanno arruolato 149 persone di età compresa fra i 18 e i 35 anni, nessuno di loro con una storia di disturbi psichiatrici e in buona salute; tutti però avevano assunto almeno una volta estasi e da poco tempo. Tutti hanno evidenziato un chiaro deterioramento delle capacità mnemoniche, anche se si erano limitati a circa una pasticca di ecstasi al mese ovvero che ne hanno consumate 10 nell’arco di un anno.

L’ecstasi danneggia la memoria episodica ovvero un tipo di memoria a lungo termine, quella che riguarda la nostra storia personale e che se danneggiata porta a dimenticare la propria identità e la propria storia personale.

A cura di Silveria Conte

Articoli correalti:

-Dpa, l’uso di cannabis aumenta rischio di cancro al polmone


Tag:, , , , , ,