parkinson 2Una ricerca guidata dai ricercatori italiani dell’Istituto Nazionale di Neuroscienze (Inn) e pubblicata sulla rivista inglese  Brain ha individuato la proteina-sentinella del cervello che difende dal morbo di Parkinson.

La proteina riesce a prevenire l’insorgenza della malattia che colpisce solo in Italia circa 10.000 persone ogni anno e potrebbe diventare il bersaglio di future terapie.

Si chiama c-Rel, e quando non funziona compaiono con l’invecchiamento tutti i principali segni della malattia: ridotta produzione di dopamina cerebrale, difficoltà nel mantenere la postura, rallentamento, rigidità e compromissione della coordinazione motoria. La ricerca ha dimostrato sui topi come il blocco dell’espressione della proteina c-Rel porta alla perdita dei neuroni della cosiddetta sostanza nera all’eta’ di 18 mesi (all’incirca i nostri 60 anni) e la conseguente insorgenza dei sintomi della malattia che migliorano con il trattamento farmacologico a base di L-Dopa.

A cura di Silveria Conte

Articoli correlati:

-La caffeina in aiuto a chi è affetto dal morbo di Parkinson


Tag:, , ,